• Origliare pallida e assorta

    -Buonasera Signora, oggi sta un po’ all’aria aperta in giardino?– Eh sì, secca tutto qui, quando c’era Ettore non seccava, a me importa assai! Un tempo se ne occupava il mio povero Ettore, io invece me ne dimentico sempre, vede…– Vabbè, però alla fine ci pensa.– Eh sì, infatti ho pensato a lui e mi […]

  • haiku per veri sognatori

    parti, ma porta con te un frigoriferoe un ombrello.

  • sognalibro #2

  • con la A maiuscola

    Che cos’è per me? È come un piccolo post-it rosso. Quello “con la A maiuscola” lo trovi per caso quando meno te lo aspetti, non saprei come altro definirlo a parole, se non così, per immagini, come in una partita di dixit: può essere un film o un libro che ti cambia la vita, magari […]

  • sognalibro #1

    Ho deciso di battezzarli “sognalibri” perché volevo che mantenessero il legame con la parola originale da cui derivano, che altro non è che la loro essenza in quanto oggetto – nel nostro caso dei biglietti del treno – che si presta perfettamente al loro uso di segnalibri senza alcun tipo di opposizione. Anzi, personalmente li […]

  • scannerizzare la vita

    Recentemente mi è capitato di sentire alla radio una discussione curiosa circa la “supremazia” del cartaceo sul digitale. Dico “curiosa” non tanto per il suo carattere di originalità, ma per la riflessione che ha saputo suscitare in me quando ne ho preso a cuore la questione. La conduttrice radiofonica illustrava le ragioni di questa tesi […]

  • qui suis-je?

    che poi,non ho ancora capitochi sono veramente io?l’ombra di me stessa su un albero,su un muro o su un pavimento?oppure un gruzzolo di paroleche restano lì appesesu una parete di città,o più semplicementeun groviglio di pensieri di china?forse sono tutto questo messo insieme.ma la verità è chefra tutta questa poetica,sono semplicementequella che mangiail panino con […]

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito